Il 17/01 si festeggia la giornata internazionale della PIZZA.

UN PO’ DI STORIA…

La storia della pizza è lunga, complessa e incerta. Le prime testimonianze scritte della parola “pizza” risalgono al latino volgare di Gaeta nel  997. Nel 16esimo secolo a Napoli ad un pane schiacciato venne dato il nome di pizza che deriva dalla parola “pitta”.

Vi sono notizie che risalgono alla fine del Cinquecento ed inizi del Seicento di una pizza soffice, preparata con strutto, formaggio, foglie di basilico e pepe. In seguito si diffuse la pizza preparata con il pesce. La prima vera unione tra la pasta ed il pomodoro avvenne a metà del Settecento nel Regno di Napoli. La pizza a Napoli fu molto popolare sia per i napoletani più poveri che per  i nobili, compresi i sovrani borbonici. Il successo della pizza conquistò anche i sovrani di Casa Savoia, tanto che proprio alla Regina Margherita di Savoia nel  1889 il pizzaiolo Raffaele Esposito dedicò la “pizza Margherita”, che rappresentava il nuovo tricolore con il bianco della mozzarella, il rosso del pomodoro ed il verde del basilico.

Pizza Margherita di Ciro Salvo: la ricetta originale

I NOSTRI CONSIGLI…

Pizza preferita  di Giulia : Wurstel.   

Pizza preferita di Jonathan:  Salamino piccante.

Pizza preferita di Andrea: Patate e salsiccia .

Pizza preferita Marvelous: Margherita.

COME SI PREPARA…

Ingredienti PER DUE PIZZE

  • 400 g farina 0
  • 1 bustina di lievito  
  • 10 g zucchero semolato
  • circa 250 – 275 ml acqua tiepida (37-40°C)
  • 1 cucchiaino di sale
  • 400 g polpa di pomodoro condita con sale, olio e basilico
  • 250 g mozzarella a dadini
  • olio extravergine di oliva
  • 5 – 6 foglie di basilico

Preparazione

1° step

Setaccia la farina in una terrina larga e mescola il Lievito di birra;

2° step

Versa lo zucchero. Amalgama il tutto, aggiungendo un po’ alla volta l’acqua tiepida e il sale;

3°step

Lavora l’impasto  per almeno 10 minuti fino al completo assorbimento del liquido.

4°step

Rimetti l’impasto nella terrina infarinata, coprilo con pellicola e ponilo a lievitare, fino a quando il suo volume sarà raddoppiato.

5°step

Dividi l’impasto in due, stendi ogni pezzo  dal centro verso i bordi formando un disco.

6°step

Preriscalda una padella antiaderente dello stesso diametro, adagia il disco all’interno e condisci con la metà del pomodoro e della mozzarella, completando infine con un filo d’olio.

7° step

Metti la padella sulla fiamma  e comincia a cuocere  fino a che il fondo risulti ben dorato.

8°step

Trasferisci poi la padella nel forno preriscaldato con massima temperatura (funzione grill), per 5-6 minuti fino a quando il bordo è dorato e la mozzarella sia sciolta. Completa a piacere con delle foglie di basilico.

9°step

Conserva l’eventuale pizza avanzata in frigorifero e consumala entro 24 ore.

Fonte:

Storia della pizza: https://it.wikipedia.org/wiki/Storia_della_pizza

Ricetta della pizza: https://paneangeli.it/ricetta/pizza-margherita

ED ECCO FATTO, BUON APPETTITO!

AUTORI:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.